Logo_Comitato_-_Copia





 


 
REGOLAMENTO
Il Comitato Pendolari di Cerveteri” è un’'organizzazione spontanea senza scopi di lucro, nata su iniziativa di un gruppo di pendolari che, da vari anni, sono impegnati a ricercare soluzioni volte a migliorare il servizio di trasporto urbano ed extraurbano per tutti i collegamenti da e per CERVETERI.
Il Comitato è un centro permanente di vita associativa a carattere volontario e democratico, la cui attività è espressione di partecipazione, solidarietà e pluralismo.
La durata del Comitato è illimitata.
Il sito www.comitatopendolaridicerveteri.webnode.it, rappresenta la sede virtuale in assenza di una sede fisica.
Il recapito ufficiale per le comunicazioni è: comitatopendolaridicerveteri@gmail.com
Articolo 2
 SCOPI E FINALITÀ
 1. Il Comitato si farà portavoce degli interessi dell’Utenza pendolare di Cerveteri e delle Comunità limitrofe che, per motivi di lavoro o studio, utilizzano i mezzi di trasporto pubblico.
 2.  Si prefigge come scopo di intervenire a favore di tutti i cittadini. In particolare si propone di:
a) contribuire al miglioramento del servizio di autolinee e ferroviario per i collegamenti da e per  CERVETERI;
b) contribuire all'ottimizzazione del servizio del trasporto pubblico urbano della città di Cerveteri, in tutti i suoi aspetti (orari, fermate, percorsi, pensiline, sicurezza, costi, ecc.);
c) contribuire al miglioramento della qualità della vita dei cittadini, lavoratori e studenti pendolari, nonché alla difesa della salute pubblica e dell’'ambiente;
d) tutelare i diritti degli utenti nelle sedi più opportune;
e) informare e sensibilizzare gli utenti sulle problematiche inerenti al servizio di trasporto pubblico in generale.
 
3.   Il Comitato perseguirà tali obiettivi mediante:
a) La raccolta pubblica di adesioni, firme e fondi;
b) l’organizzazione di attività di informazione, quali convegni, dibattiti e riunioni; 
c) la realizzazione di sondaggi, raccolta di dati e informazioni inerenti agli scopi del sodalizio.
4.  Dette attività sono svolte dal Comitato prevalentemente tramite prestazioni fornite in forma volontaria, libera e gratuita dai propri aderenti.
 Articolo 3
MEMBRI DEL COMITATO
 1.  Il numero degli aderenti è illimitato, senza vincoli di residenza, con pari dignità e medesimi diritti e doveri.
 2.  Sono membri del Comitato i fondatori e tutte le persone fisiche che si impegnano a contribuire alla realizzazione degli scopi prefissati.
 3.  Per l’adesione al Comitato è sufficiente la compilazione e sottoscrizione di un apposito modulo predisposto sia in forma cartacea che dal Comitato di Presidenza.
 Articolo 4
 CRITERI DI ESCLUSIONE DAL COMITATO
 1.  La qualità di iscritto, compresi i componenti del Direttivo, si perde:
a)  per recesso;
b)  per comportamento contrastante con gli scopi del Comitato;
c)  per violazione degli articoli statutari;
d)  l'esclusione degli iscritti è deliberata dall'Assemblea su proposta del Direttivo.
 
 2. In ogni caso prima di procedere all'esclusione, devono essere contestati, per iscritto, gli addebiti che vengono mossi, consentendo la facoltà di replica.
 Articolo 5
 DOVERI E DIRITTI DEGLI ISCRITTI
 1. Gli iscritti sono obbligati:
     a) ad osservare il presente Statuto, i regolamenti interni e le deliberazioni adottate dagli organi del Comitato;
    b) a mantenere un comportamento dignitoso nei confronti del Comitato.
2. Gli iscritti hanno diritto:
     a) a partecipare a tutte le attività promosse dal Comitato;
     b) a partecipare all'Assemblea con diritto di voto;
     c) ad accedere alle cariche del Comitato;
     d) prendere visione di tutti gli atti deliberativi e di tutta la documentazione   relativa alla gestione del Comitato, con possibilità di ottenerne copia. 
 Articolo 6
 ORGANI DEL COMITATO
 Sono organi del Comitato:
   a)  l'Assemblea degli iscritti;
   b)  il Direttivo;
   c)  il Presidente. 
Articolo 7
L'ASSEMBLEA
 1.   L’Assemblea è composta da tutti gli iscritti.
 2.   L'Assemblea indirizza tutta l'’attività del Comitato:
       a)  nomina i componenti del Direttivo;
       b) delibera l’'eventuale regolamento interno e le sue variazioni;
       c) delibera l’'esclusione dei soci dal Comitato.
 
 3. L'Assemblea viene convocata dal Presidente del Direttivo ed ogni qual volta lo stesso Presidente o almeno tre membri del Direttivo o un decimo degli iscritti, ne ravvisino l'’opportunità.
 4. L'Assemblea è presieduta dal Presidente del Comitato direttivo o, in sua assenza, dal Vice-Presidente e in assenza di entrambi da un altro membro del Comitato direttivo eletto dai presenti. La convocazione deve essere effettuata tramite comunicazione e-mail almeno tre giorni prima della data fissata per la riunione.
 5. L’Assemblea è validamente costituita qualunque sia il numero degli iscritti intervenuti.
 
 6. Le deliberazioni dell’'Assemblea sono valide quando sono approvate dalla maggioranza dei presenti.
 Articolo 8
 IL DIRETTIVO
1. Il Direttivo è formato da un numero minimo di 7 fino ad un massimo di 9 membri, nominati dall'Assemblea degli iscritti. I membri del Direttivo rimangono in carica tre anni e sono rieleggibili.
 
2. Possono fare parte del Direttivo esclusivamente gli iscritti.
 
3. Nel caso in cui, per dimissioni o altre cause, uno dei componenti del Comitato decada dall'incarico, il Direttivo può provvedere alla sua sostituzione nominando il primo tra i non eletti che rimane in carica fino allo scadere dell'’intero Direttivo.
 
4. Nel caso decada oltre la metà dei membri del Direttivo, l'’Assemblea deve provvedere alla nomina di un nuovo.
5. Il Direttivo nomina al suo interno un Presidente e un Vice-Presidente.
6. Al Direttivo spetta:
    a) curare l'’esecuzione delle deliberazioni dell'’Assemblea;
    b) nominare il Presidente e il Vice-Presidente;
    c) provvedere agli affari di ordinaria e straordinaria amministrazione che non sono di competenza dell’'Assemblea degli iscritti;
    d) curare le relazioni con: aziende; Istituzioni; Stampa; altri comitati e associazioni; gli iscritti; ecc.;
    e) manutenzione, aggiornamento del sito internet;
    f)  la gestione delle adesioni;
    g) le problematiche sollevate dagli iscritti.
 7. Il Direttivo è presieduto dal Presidente o in caso di sua assenza dal Vice-Presidente o in assenza di entrambi dal membro più anziano.
 
 8. Il Direttivo è convocato dal Presidente su richiesta di uno o più componenti del Direttivo stesso e assume le proprie delibere in base alla maggioranza dei presenti.
 
 9. Al termine delle riunioni viene redatto un verbale consultabile sul sito del Comitato.
 Articolo 9
IL PRESIDENTE
 
1.  Il Presidente, nominato dal Direttivo, ha il compito di presiedere lo stesso nonché l’'Assemblea degli iscritti.
2.  Al presidente è attribuita la rappresentanza del Comitato di fronte a terzi ed in giudizio. In caso di sua assenza o impedimento le sue funzioni spettano al Vice-Presidente, anch'esso nominato dal Direttivo.
3.  Il Presidente cura l'’esecuzione delle deliberazioni del Direttivo e in caso d'’urgenza, ne assume i poteri chiedendo ratifica allo stesso dei provvedimenti adottati nella riunione immediatamente successiva.
Articolo 10
GRATUITA’ DELLE CARICHE 
Ogni carica viene ricoperta a titolo gratuito.
Articolo 11
Il Comitato risponde solo del proprio operato e non si fa carico, pertanto, di isolate iniziative da parte degli iscritti. 
 IL DIRETTIVO:
 Presidente:  VESCIO  Nicola Mario
 Vice Presidente:  BRUNI Manuela
 Segretario-tesoriere:  CECCACCI  Emanuela
 Consigliere:  BOCO Carlo
 Consigliere:  GAGLIARDI Max
 Consigliere:  PAOLESSI Marco
 Consigliere:  SABBATINI Monica
 Consigliere:  ZAMPIERI Evelina
 
 
  Site Map